Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...

Romania: Maramures, Bucovina, Transilvania

Autore: gilbo
Partenza: 02-08-2008
Ritorno: 22-08-2008
Numero partecipanti: 2
Spesa a persona: Tra i 500 e i 1000 euro
Classificazione del viaggio:
Cultura e Arte
Benessere e Relax
Natura e Avventura
Shopping e Divertimento
Adatto a tutti?
Condividi

Baia Mare, impatto Romania

Ore 08:30 circa: facciamo il check-out e puntiamo l’auto in direzione Romania. Dobbiamo attraversare Budapest, ed un paio di ponti chiusi ed alcune strade nuove, complicano la vita nell’uscire dalla città. Oggi si svolgerà il GP di Formula 1 ed il traffico è sostenuto fino alle uscite del circuito dell’Hungaroring. Proseguiamo, il paesaggio Ungherese è vario, colline e pianura si alternano e la guida è un piacere. L’autostrada si interrompe all’improvviso finendo in un piccolo paese sconvolto dal traffico, la strada fino al confine con la Romania è ora particolarmente dissestata. Alla frontiera veniamo controllati solo dai doganieri Ungheresi, che controllano i documenti di identità e più meticolosamente quelli dell’auto. La frontiera Romena è deserta, sembra quasi abbandonata, proseguendo, la strada è stretta e ancor più dissestata. Improvvisamente un passaggio a livello, senza cartelli di avvertimento. La strada migliora, incontriamo il primo paese (Valea lui Mihai), sembra un cantiere, case diroccate, strada asfaltata a metà con buche che sembrano crateri, non è un bell’impatto. Carri carichi di fieno trainati da cavalli occupano la strada. Decine i venditori vecchi e giovani appostati lungo la strada appena fuori dal paese vendono angurie, meloni, patate ed alcuni funghi. Si incontrano molti carri che trasportano fieno principalmente, ma anche rottame ferroso.

Le strade sono per lo più dissestate, le auto rumene vecchie sono lente mentre le rare nuove corrono velocemente irrispettose dei limiti fuori dai centri abitati, tutti comunque non superano mai i 50 km/h nei paesi. Lungo la strada notiamo su molti pali della luce alcuni nidi di cicogne e poco dopo incontriamo anche loro, le cicogne. Attraversiamo la città di Satu Mare, brutta, grigia, “cementosa” la strada è ancor peggio di prima, un susseguirsi di avvallamenti e crateri. Attraversiamo altri piccoli paesi, troviamo un bancomat e finalmente tocchiamo la moneta locale. Sentiamo della musica religiosa proveniente da un altoparlante poco lontano, ci addentriamo nel cortile e, a fianco ad una piccola stazione di polizia, c’è a sorpresa una piccola chiesa di legno ancora in fase di costruzione dalla quale proviene la musica. Arriviamo poi a Baia Mare, la capitale della regione Maramures importante sin dall’antichità per la ricchezza di minerali e soggiorniamo alla Pensiunea Marioara (pensiunea_marioara(at)yahoo.com), posta in centro alla città. E’ domenica, i negozi sono chiusi, solo Kaufland (una catena di grandi magazzini) e i bar sono aperti. Visitiamo la torre, simbolo della città, unica parte sopravvissuta dell’antica Cattedrale di Santo Stefano, la chiesa di fronte che però non è un granchè, passeggiamo per la piazza principale. E’ da ieri sera che non tocchiamo cibo e son le 4 di pomeriggio così andiamo al Kaufland. Che bello, riempiamo le borse con solo 8 euro. Dirimpetto al Kaufland c’è una chiesa ancora in fase di costruzione, entriamo passando su delle passerelle di legno. L’interno è decorato con dipinti dai colori molto accesi, in forte contrasto con l’austero aspetto esteriore. Poco lontano, una chiesa costruita completamente in cemento armato e con una bizzarra architettura, si contrappone a questa più recente. Rientriamo alla pensione, un po’ di relax, programmiamo la giornata seguente e ceniamo con aringhe e formaggio.

Altre pagine del Diario di Viaggio:

  1. Baia Mare, impatto Romania

Articoli simili e interessanti:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!