Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Skeleton Coast: in Namibia
Skeleton Coast: in Namibia

E’ definita dai boscimani “la terra che Dio ha creato con rabbia” a causa della sua inospitalità. Skeleton Coast significa letteralmente “costa degli scheletri” e deve il suo toponimo al grande numero di imbarcazioni che hanno trovato la loro fine sulle spiagge desertiche di questo luogo. Tra queste sono incluse anche navi famose come la Eduard Bohlen e la Tong Taw. Skeleton Coast è un tratto di costa atlantica della Namibia settentrionale compreso tra le foci dei fiumi Cunene e Swakop. Talvolta il nome viene usato per indicare più genericamente la parte costiera che dal deserto del Namib va fino al fiume Orange.

La costa è principalmente sabbiosa e raramente si incontrano sporgenze rocciose come a Spencer Bay, che offre un contrasto spettacolare col paesaggio circostante. Se a sud predominano spiagge sassose, più a nord le dune di sabbia del deserto del Namib arrivano fino al mare.

Il clima è molto arido con pochissime precipitazioni. Tuttavia l’umidità viene portata nell’entroterra grazie all’azione della Corrente del Benguela. Essendo circa 8° più fredda dell’acqua oceanica provoca il condensarsi di nebbie costiere che durante il giorno arrivano fino a 50 km verso l’interno. E’ proprio quest’umidità che permette alla fauna e alla flora del luogo di sopravvivere.

Il tratto di costa più settentrionale, fra il Cunene e il fiume Ugab è incluso nello Skeleton Coast National Park, proclamato tale negli anni ’70. Il parco è divisibile in due zone: una che va dal fiume Ugab al fiume Hoanib, l’altra dal fiume Hoanib al Kunene. In particolare, quest’ultima area è tanto selvaggia che solo poche guide autorizzate possono organizzare safari.

Da vedere sono i Clay Castels, laghi di sale vicino alla Agate Mountain e una delle colonie di foche più grandi al mondo a Cape Fria.

 Selvaggio e inospitale, la zona nord del parco è abitata dalla tribù Himba che vive secondo antiche tradizioni, mentre a sud la zona fa parte della Damaraland che è abitata dalla tribù Damara. Qui i i fondali sono ricchi di pesci e si pratica la pesca.

A dire il vero sono diverse le specie animali che vivono nella regione: insetti, rettili, ma anche elefanti, giraffe, rinoceronti, leoni, springbok e gemsbock.

Al parco si può accedere sia da Ugagmund che da Springbokwasser ma è bene ricordare che, essendo l’area gestita dal governo, occorre premunirsi di un permesso rilasciato dal Ministry’s Reservation office di Windoek.

Visitare Skeleton Coast vuol dire Safari: solo così si vivrà nella totalità la forza della natura di questo luogo.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!