Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Vienna: Il Palazzo del Belvedere ed i suoi paesaggi
Vienna: Il Palazzo del Belvedere ed i suoi paesaggi
Vienna: Il Palazzo del Belvedere ed i suoi paesaggi

Vienna, conosciuta anche come la capitale della musica, ha molto da offrire, grazie alla sua storia, partendo dagli Asburgo, alla sua arte ed architettura, la cui evoluzione si può notare già dai grattacieli della UNO-City, che ospitano oggi alcune organizzazioni delle Nazioni Unite. Se state pianificando un viaggio per ammirare tutto questo, ripercorrere il passato e buttarvi a capofitto in questa esperienza, la cosa migliore da fare è scegliere uno dei tanti appartamenti in affitto a Vienna, e partire!

Uno dei luoghi più belli da visitare a Vienna è sicuramente il Palazzo del Belvedere che s’innalza nel distretto di Landstraße, poco a sud del centro di Vienna. Realizzato dall’architetto austriaco Johann Lucas von Hildebrandt per il principe Eugenio di Savoia tra il 1714 ed il 1722, il Palazzo è in realtà costituito da due imponenti castelli divisi da un bellissimo giardino: il Castello Superiore sorge sulla cima di una bassa collina, mentre quello Inferiore sorge poco più a valle.

Il primo ad essere costruito fu il Castello Inferiore, destinato ad un uso privato ed utilizzato dal principe Eugenio di Savoia come residenza estiva. Il Castello Superiore fu realizzato principalmente come edificio di prestigio per ospitare cerimonie e serate di gala. Nonostante l’imponenza di questa costruzione, in realtà il principe Eugenio utilizzò pochissimo questo castello: quando vi risiedeva, infatti, occupava poche stanze del Palazzo Inferiore e non era solito organizzare serate mondane. Tutto ciò fa pensare che la finalità di questo castello sia a carattere puramente personale e consista nell’aver fatto innalzare un monumento dedicato “alla persona” in grado di rappresentare al meglio lo status symbol del proprietario.

L’accesso al Castello Superiore è dato da un bellissimo cancello in ferro battuto il cui principale elemento decorativo è la ripetizione dello stemma araldico di Eugenio di Savoia. Due leoni sono posti ai lati del cancello in modo da sorreggere lo stemma della famiglia Savoia. Ad un livello inferiore rispetto ai leoni, invece, due putti sorreggono la catena del “Toson d’Oro”, l’ordine di cui fu investito Eugenio di Savoia da Leopoldo I d’Austria. Un altro motivo ricorrente sul cancello è la raffigurazione della corona del Sacro Romano Impero. Ciò che colpisce di più osservando il Palazzo Superiore è la sua compattezza: a causa delle sue dimensioni è spesso paragonato all’immagine di una donna che per poter acquistare slancio ha bisogno di riflettere la sua immagine nello specchio d’acqua sottostante il Palazzo.

Le facciate sono ricche di rientranze e sporgenze che ben si prestano a diventare punti d’appoggio per statue che raffigurano elementi mitologici e sfingi. Gli stessi elementi marmorei sono riportati più volte nel giardino, caratteristico per le sue rigide geometrie. Soprattutto nel giardino ogni singolo elemento è in sintonia con quello adiacente: nulla è lasciato al caso, ma tutto è minuziosamente controllato per privilegiare una visione d’insieme piuttosto che la visione del particolare.

Una stupenda fontana, denominata “Fontana delle Naiadi” in relazione alle stupende statue che la decorano, alimentata da una cascata artificiale a gradini contribuisce a definire lo stupendo panorama del giardino. Gli spazi interni sono interamente decorati con stucchi che raffigurano per lo più personaggi mitologici. Purtroppo gran parte dell’arredamento originale è andato perso: molti mobili sono stati venduti dagli eredi di Eugenio di Savoia. La bellezza del Palazzo del Belvedere, tuttavia, sembra restare immutata nel tempo tanto che oggi entrambi i palazzi ospitano l’Österreichische Galerie Belvedere, uno dei più importanti musei d’arte di Vienna.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!