Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Pergamonmuseum: il Museo di Pergamo, a Berlino
Pergamonmuseum: il Museo di Pergamo, a Berlino
Pergamonmuseum: il Museo di Pergamo, a Berlino

Il Pergamonmuseum possiede un’imponente struttura la quale ricorda lo stile di un tempio babilonese. Fu eretta nel periodo percorrente le due Grandi Guerre. Al suo interno si ritrovano alcuni dei reperti più spettacolari al mondo; una serie di colossali capolavori architettonici di civiltà antiche che l’uomo è riuscito a riportare alla luce e agli occhi di tutti. Il Pergamonmuseum è suddiviso in tre sezioni:

  • La prima è la più nota e contiene al suo interno reperti di enormi dimensioni dell’Antikensammlung (collezione di antichità greche e romane) tutti all’interno di un’unica sala ospitante il noto Altare di Pergamo ( 180 – 160 a.C. – arte tardoellenistica) dal quale il museo ne prende il proprio nome. L’altare non è quello originale, ma un’ipotetica ricostruzione in scala 1:1. Alle pareti dell’altare, si possono notare i rilievi, invece, originali.Nella sala più a nord, si ritrovano alcuni frammenti dell’Altare di Atena di Pergamo, un secolo più vecchio del suddetto altare.
  • La seconda sezione è conosciuta come Vorderasiatisches Museum (museo dell’Asia Anteriore) ed è allestito in base alla ricostruzione di alcune parti del palazzo del re Nabucodonosor II di Babilonia (600 a.C. circa). Le costruzioni sono semplicemente le miniature delle originali, ma l’effetto trasmesso è molto suggestivo. Ad esempio si ritrova la “via processionale”, coronata con statue di leoni, la quale in realtà era maggiore di sei volte sia in lunghezza che in larghezza.
  • La terza ed ultima sezione è conosciuta come Museum für islamische Kunst (museo dell’arte islamica). Si ritrova qui la facciata scolpita del palazzo del califfo di Mshatta dell’VII sec. che fu donata dal sultano turco al Kaiser Guglielmo II. Al suo interno si possono osservare anche reperti di dimensioni decisamente inferiori risalenti al mondo islamico, come per esempio tappeti, legno e avorio.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!