Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Visitare Castel Gandolfo, sulle rive del Lago Albano
Visitare Castel Gandolfo, sulle rive del Lago Albano
Visitare Castel Gandolfo, sulle rive del Lago Albano

Castel Gandolfo, dialettalmente detto Castello, è una città italiana in provincia di Roma, situata in un territorio che include quasi tutto l’arco costiero del Lago Albano. Il suo nome è molto noto, soprattutto per la storica  presenza della residenza estiva dei Papi e per le tante ville e dimore estive che vi si trovano, talmente numerose da far meritare al paese il marchio di “località di villeggiatura tra le più rinomate del Lazio”. Come prevedibile, il suo nome deriva da un castello fatto costruire dalla famiglia romana Gandolfi. In passato, nel luogo dove ora sorge la cittadina, giaceva Alba Longa, fondata, secondo tradizione, da Ascanio, il figlio di Enea. Castel Gandolfo si sviluppò proprio sulle rovine della suddetta città, grazie alla costruzione di numerose e lussuose ville appartenenti a ricchi esponenti della società romana. Nel 1216, i Gandolfi arricchirono ancor di più la sontuosa località con la presenza del famoso castello, e molti anni dopo, esattamente nel 1604, la Camera Apostolica acquistò l’intero territorio  castellano e, da allora, l’omonimo comune è fortemente legato al mondo ecclesiastico. Riguardo alle opere monumentali qui presenti, inutile dire che gli esempi di architettura religiosa, più o meno antica,  sono numerosissimi. Tra questi spicca la Chiesa Collegiata Pontificia di San Tommaso da Villanova, progettata dal Bernini e caratterizzata da una pianta  acroce greca con una cupola sottile che poggia su pilastri di stile dorico.

Altro esempio è la Chiesa di Santa Maria Assunta, costruzione seicentesca che vide la consacrazione della sua prima pietra da parte di Paolo V. Un’ipotetica visita della città non può che partire da via Ercolano, dove si  trova Villa Torlonia, un edificio del XVI secolo che gode di una fantastica vista sull’Agro Romano. A breve distanza sorge anche Villa Cybo, con la sua notevole fontana detta “delle lavandaie” per la presenza delle due figure femminili raffigurate nell’atto di lavare i panni. Altro splendido edificio è Palazzo del Drago, fatto costruire dal cardinale Albani nel 1746, nei pressi del quale sorge il Palazzo Pontificio, un edificio ricco di opere d’arte e signorili stanze che ospitavano i Papi in villeggiatura. Nella medesima piazza del Palazzo dei Papi, sorge la Fontana del Bernini, uno dei massimi capolavori del celebre architetto,  il cui disegno è ispirato alla pianta della romana S. Pietro. Numerosi sono anche i siti archeologici presenti a Castel Gandolfo. Tra questi spiccano  Villa di Publio Clodio Pulcro, ovvero i resti di una villa romana che attualmente si trovano ubicati a Villa Caterina, e Villa di Tito Flavio Domiziano, che presenta resti monumentali della villa romana fatta edificare in età imperiale da Domiziano. Meritevoli di vista sono anche il Ninfeo Dorico, una costruzione risalente all’età repubblicana e il Ninfeo Bergantino, detto anche “Bagni di Diana” per un mosaico raffigurante la dea cacciatrice.

Il comune castellano è inserito nel Parco Regionale dei Castelli Romani e presenta numerose aree verdi e boschive, soprattutto sulle coste del Lago Albano. La principale zona verde cittadina è rappresentata dalle Ville Pontificie, formate rispettivamente dai Giardini Pontifici e dalle già citate Villa Cybo e Villa Barberini. Quest’ultima Villa vanta la presenza del Giardino della Magnolia, uno spazio verde che presenta un disegno all’italiana, con bordure e divisioni delle aiuole in bosso. Se si vuole vedere da vicino il  lago Albano, bisogna percorrere via Gramsci e in seguito via dei Pescatori, due viali cittadini che in breve distanza conducono il visitatore nel punto esatto dove giace l’emissario del suddetto lago. Il cunicolo che bisogna percorrere per raggiungere questo luogo è stato aperto e scavato dai romani, in blocchi di tufo e inizia con una monumentale camera.

Come precedentemente detto, oltre che pullulare di edifici che profumano di passato, Castel Gandolfo è un’allettante meta turistica e, alla luce di ciò, vanta la presenza di numerosi locali di ristorazione famosi, sia per la bontà della loro cucina, che per la  loro panoramicità e per l’antichità della tradizione che seguono. Il piatto tipico castellano per eccellenza ha una derivazione storica, in quanto a collaudarlo fu il poeta Gioachino Belli, nel lontano 1831, che lo gustò beatamente nella piazza cittadina.  Si tratta dei classici bucatini all’amatriciana, conditi però con frittura di lattarini (saporiti pesci lacustri), il tutto innaffiato da vini Doc dei Colli Albani. Le numerose sagre e feste popolari locali sono però a base di porchetta, salumi e formaggi della campagna romana. Una festa particolare è poi riservata alle pesche, il prodotto tipico per eccellenza del borgo, che qui sono chiamate “guance di canonico”. Se si desidera ritemprarsi dalle fatiche svolte, in una cornice di quiete, e bellezze storiche e naturali, Castel Gandolfo è il posto giusto.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!