Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Parco naturale regionale del Monte San Bartolo
Parco naturale regionale del Monte San Bartolo

Affacciato sull’Adriatico, il Parco Naturale San Bartolo (Pesaro Urbino) s’impone per la novità del suo paesaggio che è assai diverso dalle tipiche coste sabbiose marchigiane e romagnole. Il territorio, delimitato dai fiumi Foglia e Tavollo, è caratterizzato principalmente dal tratto di costa alta a falesia viva in perfetta armonia con il paesaggio rurale del versante interno che, fino agli anni ’50, veniva coltivato sino a pochi passi dal mare.

La falesia, alta 200m., emerge dalle basse spiagge marchigiane come un susseguirsi di speroni e valli intervallati da pareti a strapiombo e per le sue caratteristiche geologiche, rappresenta una delle più complete testimonianze del Messiniano (periodo in cui la penisola italiana era in formazione): tra i 10 e i 6 milioni di anni fa, i sedimenti si sono depositati in successione fino a formare una collina che, nel corso del tempo, è stata erosa dal mare. La stratificazione è composta da marme, argille e, in quantità maggiore, gesso: quest’ultimo è presente in meravigliosi cristalli della varietà Selenite e in aggregati fibrosi di Sericolite. Con un po’ di fortuna si potranno scovare anche cristalli di Zolfo e Celestina.

Il Parco San Bartolo è dominato dal Colle San Bartolo (201m.), cui seguono altri rilievi collinari: Monte castellaro (197m.); Monte Brisighella (171m.); Monte Trebbio (194m.); Promontorio di Casteldimezzo (203m.) e La Montagnola (198m.).

Dal punto di vista faunistico, l’area protetta è importante soprattutto per la presenza e la migrazione di numerose specie di uccelli che offrono un grande spettacolo naturalistico soprattutto durante lo svernamento. Tra questi ricordiamo il prestigioso falco pellegrino, lo smergo maggiore e il gabbiano (nelle sue numerose specie). Capita a volte di vedere qualche volpe frequentare le spiagge in cerca di organismi marini spiaggiati di cui cibarsi. Se fino a qualche tempo fa la presenza di mammiferi era limitata, ora nel territorio vivono diverse specie: dal tasso al capriolo, dal ghiro all’istrice.

La vegetazione è tipica del paesaggio agricolo in cui predominano olivi, gelsi, fichi, ciliegi e mandorli. In luoghi ombreggiati sono presenti anche noccioli ed esemplari di pungitopo. La falesia ospita esemplari unici come il Lino marittimo e i rimboschimenti degli anni ’60 hanno aggiunto alla flora del parco anche l’acero montano, il pino nero e l’olmo siberiano.

Il Parco San Bartolo è un luogo dove poter ascoltare in silenzio i suoni della natura e, per quanto ci sia ampia scelta circa le modalità di soggiorno (numerosi sono gli hotel e gli appartamenti nelle vicinanze) è consigliabile optare per agriturismi situati sui pendii delle colline e che a stento si scorgono dalle strade asfaltate: in questo modo si potrà godere appieno delle meraviglie paesaggistiche.

Strano ma vero l’Adriatico è anche questo: natura e silenzio.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!