Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Budapest, capitale dell’Ungheria: dove si respira la storia
Budapest, capitale dell’Ungheria: dove si respira la storia
Budapest, capitale dell’Ungheria: dove si respira la storia

Se cercate una città dove si respiri il profumo della storia, non potete non programmare un viaggetto a Budapest. Liberatasi dal comunismo nel 1991, la capitale ungherese negli ultimi decenni si è trasformata in una delle più interessanti città europee. Budapest, con i suoi viali alberati, con la sua maestosità, con il suo ampio ventaglio di attrazioni turistiche e non, può definirsi a tutti gli effetti una capitale cosmopolita. Ma i segni del duro passato ci sono tutti. Proprio per questo abbiamo selezionato una serie di mete ad hoc.

Cominciamo con la Terrorhaza, la Casa del Terrore. Collocata nella parte nordorientale della città, la Terrorhaza è un museo che illustra i brutali metodi utilizzati dai regimi (nazista e comunista) che hanno oppresso l’Ungheria nel XX Secolo. L’edificio è noto soprattutto come il luogo dove i nazisti ungheresi e, poi, la polizia segreta comunista, torturavano e spesso uccidevano le loro vittime. Il museo, inaugurato soltanto nel 2002, raccoglie filmati e foto, uniformi della polizia e testimonianze dei prigionieri. Da vedere assolutamente la ricostruzione della prigione e delle celle di tortura, nel seminterrato, e il carro armato sovietico nel cortile centrale.

La seconda tappa che vi proponiamo, invece, è il Museo di Storia Militare, situato nel quartiere del Castello e allestito in una caserma del XIX Secolo. Uniformi e divise sono qui la parola d’ordine, e tutti gli appassionati non potranno non apprezzare.

Infine, spostandosi un pò nella parte sudoccidentale della città, si arriva al Parco delle Statue (Szoborpark). A differenza di altri paesi dell’ex blocco comunista, l’Ungheria ha conservato la maggior parte delle sculture collocate un tempo nei parchi e nei viali, che potete trovare tutte qui. Inaugurato nel 1993, il parco custodisce 42 opere tra statue enormi, piccoli busti e bassorilievi. All’ingresso troviamo una vera e propria Trabant (auto simbolo del comunismo) e le statue di Marx, Engels e Lenin. All’interno del parco, invece, la statua sicuramente più rappresentativa è quella del marinaio che cammina a grandi passi, vero e proprio simbolo dello Szoborpark.

Una nota di merito anche al bookshop del museo, che soddisferà tutti gli appassionati: si va dalle medaglie sovietiche originali fino alle registrazioni audio di famose canzoni comuniste, senza tralasciare uno tra i souvenir più curiosi, la lattina contenente l’ultimo alito del comunismo.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!