Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...

Il rientro in tarda nottata del Sabato, non è bastato a rimuovere la sveglia impostata per le 9 di Domenica 16 Marzo. Farsi coccolare dalle calde coperte in flanella piacerebbe a chiunque, dormire fino a tardi sapendo di non doversi alzare per lavorare piacerebbe a chiunque, ma queste cose non fanno per me; specialmente in questo periodo post invernale, quando il sole inizia a splendere alto e forte fin dalle prime ore del mattino. La voglia di andare in moto prevale su tutto, sonno compreso!
Aprofittando del ritardo di alcuni componenti del gruppo, ho approfittato assieme al mio amico nonchè nuovo motociclista Cristian, per lavare le nostre moto. Ogni tanto se lo meritano, vero? Come ogni domenica, all’autolavaggio bisogna aspettare parecchio prima che arrivi il proprio turno…

Arrivati anche Angelo con la sua Kawasaki Ninja e l’altra new entry, Domenico, in sella alla sua fiammante Kawasaki Z750, abbiamo dato inizio al nostro giretto mattutino. Velocità moderate e percorso easy, vista l’ancora poca esperienza dei nuovi motorizzati, siamo arrivati a Vasto per un aperitivo assieme. Bella giornata, leggermente coperto, e temperature tiepide.
Beh, tra una cosa e l’altra, considerando anche la partenza in tarda mattinata, subito s’avvicina l’orario designato per il ritorno a casa; questa volta però, mettendo da parte la Litoranea per dare spazio a qualche curva in direzione San Salvo.

Pranzo veloce, doccia rigenerante e la solita spulciata ai siti web preferiti. Un’ora e mezza passata volando; giro di telefonate e incontro sotto casa di Cristian, ovviamente in moto, per applicare sui cerchi della sua Zetina delle sgargianti striscette adesive arancioni.
Applicate da me, ormai laureato a forza di metterle…
Raggiunti anche da Franca, in macchina, e da Michele con la prima Z750 acquistata nel gruppo, abbiamo passato un po di tempo al Grecale, in zona centro, per bere un caffè in compagnia prima di rimetterci in marcia verso strade ancora non divorate dai nostri copertoni. Direzione fondovalle del trigno e risalita verso i vari paesini della zona, affrontando numerose serie di tornanti a velocità moderate. Nonostante tutto, il divertimento non è mancato, il panorama a tratti stupendo ed indimenticabile la passeggiata in sella alle moto tra gli antichi vicoletti di “uno sconosciuto” paesello di montagna.

Per completare in bellezza la giornata, abbiamo inoltre confermato la prenotazione al ristorante argentino “Tango”.
Radunato l’intero gruppo tra piazza Sant’Antonio ed il distributore Agip, 10 persone, ci siamo avviati verso Vasto, in ritardo di circa mezz’ora dal tempo di arrivo suggerito al momento della prenotazione. Era quasi un anno che non tornavo in questo ristorante per cena e da allora poco è cambiato al suo interno. Essendo Argentino, tutti facevano affidamento su di me per traduzioni e chiarimenti sui vari piatti proposti nel menu.
Il mio consiglio generale era: Bife de Lomo da 400gr, 3 empanadas e patatine fritte o insalata come contorno. Solo in 3 alla fine hanno seguito questo consiglio, e non se ne sono assolutamente pentiti. Il resto, deviati un po dal prezzo concorrenziale del menù fisso proposto dalla casa, hanno mangiato un più tradizionale ma non meno gustoso Roast Beef. Eccezzionale l’arrivo dell’Oreja de Elefante richiesta da Cristian. Un’immensa cotoletta da 500gr, ricoperta da altrettante patatine fritte ed uovo fritto in cima. Sfido chiunque a mangiare tutto senza lasciare nulla, un’impresa per pochi!!! Dopo la carne, nonostante fossimo tutti più che sazi, era inevitabile l’assaggio del classico Dulce de leche sotto varie forme: creep, budino o torta. Davvero squisita. Un vero must per intenditori. Ordinati i caffè da bravi italiani, ci sono stati offerti alcuni cicchetti di ottimo liquore argentino: il leguis. Sazi e rotolanti, con tanta stanchezza sulle spalle per via della movimentata giornata, abbiamo fatto ritorno a Termoli, dove ad attenderci c’era un ultimo, inaspettato caffè al MicroBar, prima di riuscire finalmente a mettere la faticosa parola “Fine”.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

E' stato ricevuto un solo commento

  1. Carne argentinaaaaa sbavv

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!