Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...

Cosi recitava l’almanacco dello sfigato che fino ad un tempo fa era appeso in camera e purtroppo, questa domenica ha confermato che è proprio cosi. Si, perchè anche questa domenica, organizzati per raggiungere in modo i due parchi nazionali della regione Abruzzo, non siamo riusciti ad arrivare a destinazione. Proprio come la precedente volta, ad attenderci su per le curve a 1400 metri sul livello del mare, non c’era un sole caldissimo ma una furiosa pioggia. Il tempo incerto, verso Pescocostanzo, nel parco nazionale della Majella, non ci ha intimorito molto vista la successiva tappa distante una cinquantina di km da li. Sfortunatamente però, il temporale si dirigeva proprio verso quella direzione e nemmeno a dirlo, ci ha beccati in pieno.

3338

Come se non bastassero le condizioni climatiche a rovinarci il motogiro, ogni jella si riversava contro di noi e in men che non si dica, un attimo prima che riuscissi a riporlo al sicuro, il navigatore posizionato sul semimanubrio della mia moto non ha più dato cenni di vita. Si era bagnato andando in cortocircuito e sembrava essere definitivamente morto.
Col morale a terra, si decide all’unanimità di far ritorno verso casa, passando da Isernia per poter cosi lasciare il temporale alle nostre spalle nel minor tempo possibile. Sole, per fortuna! Un lieve sorriso torna a dipingersi sui nostri volti quando proseguendo per una stradina di montagna ci si ritrova senza saperlo nel bel mezzo del “Valico del Macerone“, famoso in tutta la zona per le belle curve che riserva. Con la speranza di poter un giorno raggiungere il tanto agoniato “Passo del diavolo“, riponiamo le sporche moto e approfittiamo del sole cocente per scendere in spiaggia. Ovviamente, se il tempo non deciderà di tirarci altre brutte sorprese!

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Sono stati ricevuti 2 commenti

  1. ci siamo fatti nazzi nazzi 😆 😆 😆 😆

  2. Fa niente, mi sarebbe dispiaciuto più per il navigatore se poi non si fosse più riacceso 🙂 Il resto fa parte della vita motociclistica 😛

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!