Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...

Come sospettavo qualche giorno fa mentre guardavo bollire l’acqua per cuocere la pasta, l’acqua di Milano non è delle migliori. Proprio in questo momento mi è capitato sotto gli occhi un articolo che riporto interamente.

A Milano non abbiamo la particella di sodio nell’acqua che esce dai nostri rubinetti, ma la particella di cloro. Anzi, tante particelle di cloro.
Esattamente la sostanza che si mette nelle piscine. Il cloro disinfetta e uccide i batteri, e più batteri ci sono più cloro viene immesso nell’acqua. E il cloro in eccesso nel nostro organismo proprio bene bene non fa. Tutto questo è stato scoperto da uno studio della seconda università di Napoli.

In un bicchiere d’acqua di rubinetto di una casa milanese non si bevono batteri, ma trialometani, cloroformio e tetracloroetene oltre i limiti di legge.

Fortunatamente non si tratta di batteri fecali, che il Corriere riporta come “riscontrati dai tecnici americani nell’acqua delle abitazioni dei militari americani che vivono tra Napoli e Caserta, non gli idrocarburi presenti in quella della base Nato di Vicenza (secondo la rivista Star & Stripes). Ma composti organo alogenati, derivati proprio dalla clorazione disinfettante. Insomma un salutare cocktail chimico. Lo studio napoletano si è interessato della purezza dell’acqua che si beve. Da quella dei rubinetti, punto d’arrivo degli acquedotti, a quelle minerali in vendita. Campioni prelevati in cinque città italiane: Perugia, Napoli, Milano, Venezia e Firenze”.

I dati allarmanti sono stati i livelli dei derivati del cloro, che non sempre vengono misurati dall’Asl o dall’Arpa.
“Sono stati trovati nei campioni prelevati dai rubinetti delle abitazioni elementi contaminanti di chiara provenienza antropica (inquinamento) e sottoprodotti della clorazione, come trialometani, bromoformio, cloroformio e composti organo-alogenati, come tetracloroetilene e tricloroetilene. In alcuni casi, la concentrazione di questi inquinanti è risultata al di sopra dei limiti previsti (decreto legge 31/2001). Anche di molto”

Su un totale di 25 acque analizzate, 7 risultano “non conformi (30%) per il superamento della Cma (Concentrazione massima ammissibile) di una o più sostanze“. E ben 4 campioni toccano a Milano.

Ma c’è da preoccuparsi? Alcuni studi avrebbero mostrato che ci sarebbe una relazione tra l’assunzione prolungata di acque con cloro e l’aumento rischio di cancro a prostata, vescica e retto tanto che negli Usa non si clorano più le acque, ma si ozonizzano con un trattamento più costoso, ma anch’esso non completamente sicuro.

E pensare che solo un anno fa ci avevano rassicurati sulla qualità dell’acqua meneghina:

A Milano, negli ultimi tempi, la purezza e la bevibilità dell’acqua del rubinetto sono migliorate, non siamo ancora ai livelli di Roma ma gli esperti ci rassicurano sulla bontà delle nostre falde acquifere. Il miglioramento è dovuto in primo luogo alla drastica riduzione dei grandi impianti industriali che una volta sorgevano in periferia, quindi diciamo che se a Roma siamo sull’8,5 qui a Milano viaggiamo sul 7,5. n tutto il Pianeta, giorno dopo giorno, i consumi e gli sprechi salgano alle stelle, per questo diventa sempre più necessario individuare stili di vita sostenibili, che abbiano un impatto minimo sull’ambiente. Numerose città, tra cui New York e Roma, hanno chiesto ai propri cittadini di bere l’acqua del rubinetto, rinunciando all’acquisto di quella minerale. Perché? L’obbiettivo è quello di eliminare l’uso delle bottiglie di plastica e di ridurre l’inquinamento legato alla lavorazione della stessa. “Ogni anno, infatti, nel mondo – spiega Todd Jarvis della Water Resources Graduate Program alla Oregon State University – si consumano 81 milioni di litri di petrolio e 600 miliardi di litri d’acqua per produrre 154 miliardi di acqua minerale in bottiglia”. Questo business è alimentato dalla convinzione che l’acqua confezionata sia più pura e sia più controllata di quella del rubinetto. In realtà talvolta le acque di sorgente vicino alla superficie contengono inquinanti che non si trovano nelle acque dei pozzi municipali a centinaia di metri di profondità. Se da una parte le città, dopo numerosi prelievi e test sull’acqua dei propri acquedotti, invitano i cittadini a berla tranquillamente, dall’altra parte le aziende promettono l’uso di materiali biodegradabili e non inquinanti.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Sono stati ricevuti 5 commenti

  1. lo sai invece cosa sostiene una mia amica di milano? che l acqua di milano del rubinetto si può bere ed è una delle migliori….io aggiungo che forse va da zona a zona perchè tipo quella dove lavoro io ai bimbi diamo quella del rubinetto per cui suppongo sia potabile …suppongo.mah..chissà

  2. [quote comment=”14304″]lo sai invece cosa sostiene una mia amica di milano? che l acqua di milano del rubinetto si può bere ed è una delle migliori….io aggiungo che forse va da zona a zona perchè tipo quella dove lavoro io ai bimbi diamo quella del rubinetto per cui suppongo sia potabile …suppongo.mah..chissà[/quote]

    Può anche essere, ma nelle zone con tubature vecchie, e di decenni, esce fuori qualsiasi cosa dai nostri rubinetti. Esperienza personale docet :sisi:

  3. Ciao! Purtroppo il problema non è confinato soltanto nella zona di Milano, io vivo a ridosso della Foce del Po e ti assicuro che nell’acqua non c’è soltanto cloro!
    Il problema è che c’è questa campagna di sensibilizzazione che l’acqua del rubinetto sia migliore di quella in bottiglia..ma scherziamo?
    Io uso l’acqua in bottiglia perfino per cuocere la pasta e credimi, mi sento meglio.
    Ormai l’inquinamento è arrivato a una soglia tale che le malattie sono assicurate, soprattutto per i giovani. Spostarsi in città? Conosco Milano e la adoro, ma è per me invivibile.
    Purtroppo è il destino delle grandi città, e tra poco con gli inceneritori, anche delle piccole.
    Se ti fa di fare un salto nel mio blog ne sarò felice!
    Ciao!!

  4. [quote comment=”14412″]Ciao! Purtroppo il problema non è confinato soltanto nella zona di Milano, io vivo a ridosso della Foce del Po e ti assicuro che nell’acqua non c’è soltanto cloro!
    Il problema è che c’è questa campagna di sensibilizzazione che l’acqua del rubinetto sia migliore di quella in bottiglia..ma scherziamo?
    Io uso l’acqua in bottiglia perfino per cuocere la pasta e credimi, mi sento meglio.
    Ormai l’inquinamento è arrivato a una soglia tale che le malattie sono assicurate, soprattutto per i giovani. Spostarsi in città? Conosco Milano e la adoro, ma è per me invivibile.
    Purtroppo è il destino delle grandi città, e tra poco con gli inceneritori, anche delle piccole.
    Se ti fa di fare un salto nel mio blog ne sarò felice!
    Ciao!![/quote]

    Grazie per la tua testimonianza Love, passerò sicuramente a trovarti sul tuo blog, a presto 🙂

  5. A Milano si terrà il convegno Acqua: Storia, civiltà, vita
    il giorno Giovedì 12 marzo ore 17-20, Università Statale, aula 6, via conservatorio 7
    al quale interverranno:
    Monsignor Marco Ferrari, Paolo Rumiz, Nando dalla Chiesa, Fausto de
    Stefani, Oscar Del Barba, , Marco Vitale
    Coordina : Daniele Checchi
    Conclude: Emilio Molinari

    In Italia, l’acqua potabile è stata privatizzata.
    Nel Mondo, l’ONU non riconosce il diritto all’acqua
    Il Comitato Italiano per un Contratto Mondiale sull’acqua.
    In collaborazione con la Facoltà di scienze politiche dell’Università
    di Milano, il Club Alpino Italiano, Il Servizio per la vita sociale e
    il lavoro della Diocesi di Milano invitano alla tavola rotonda

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!