Stai cercando un Volo?


Da

A
Data di partenza

Data di ritorno
Adulti Bambini Neonati

Scrivi il tuo Diario di Viaggio

Scrivi il tuo Diario di Viaggio Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community

Effettua una ricerca

Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo?

Itinerari di Viaggio

Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli

Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...

Oggi ho passato un po di tempo pensando a come con il passare degli anni, l’uomo sia riuscito a far diventare reale la maggior parte delle cose che prima erano considerate pure eresie, roba da fantascienza. Poi ho continuato a macinare pensieri, uno dopo l’altro e mi è tornata in mente la storia di Cameron, il bambino vissuto due volte. Non chiedetemi cos’hanno in comune perchè non saprei rispondere.

Fatto sta, che unendo le due cose è venuto fuori il terzo pensiero. Quello che mi ha spinto a scrivere queste parole, per discuterne con il popolo di internet. Ho provato ad immaginare se in un futuro, l’uomo sarebbe stato in grado di trapiantare il cervello da un corpo di un anziano, in uno magari clonato dallo stesso individuo, ma di età più giovane. Ho provato ad immaginare se questo frankenstein, che porta il cervello di una persona vissuta in un nuovo corpo giovane, avesse avuto la possibilità si portare con se tutti i ricordi legati alla prima persona, quella anziana, tutte le sue esperienze, la persona stessa in pratica. Una specie di reincarnazione.

Lasciando da parte il discorso etico, spirituale e religioso, a voi cosa ve ne pare? Dite che se in un futuro questa mia fantasia possa divenire in qualche bizzarro modo la realtà, sarebbe un modo fattibile per poter rimanere in vita ancora “aggiornando” il proprio corpo oppure no ?
Lo so che è un pensiero malsano, e probabilmente anche difficile da spiegare, ma mi piacerebbe sapere cosa ne pensate. Ovviamente, se sono riuscito a farmi capire. Pensare una cosa saltando da un pensiero ad un’altro, mixandoli come se fossi un dj è un conto; riuscire poi a riportarli nero su bianco, un’altro.

Condividi questo articolo su Facebook:

  • Consiglia questo articolo ai tuoi amici:
  • Condividi questo articolo con i tuoi amici:
    Condividi
  • Suggerisci ad un amico tramite email

Articoli simili e interessanti:

Tags:

Autore:

Sono stati ricevuti 6 commenti

  1. […] post by Fabio and powered by Img […]

  2. huauhauhuhahuauahuhu

    Ho letto un libro, che ho a Milano, che parla di quello che hai descritto tu…

    Dei scienziati dopo tanti tentativi riescono a clonare una persona (nel libro diverse), per poi “staccare” il proprio cervello nel corpo vecchio e trapiantarlo in quello giovante… molto carino come racconto, poi parla anche della memoria cellulare, dopo che è avvenuto il primo trapianto, cioè della “memoria” che aveva il corpo del giovane…faccio un esempio, il vecchio non sapeva far funzionare un aereo, dopo che hanno trapiantato il cervello nel corpo giovane (quest’ultimo sapeva pilotare), lui riusciva a pilotare l’aereo, bastava lasciar fare al corpo….

    Se mi ritorna in testa il titolo del libro te lo dico…altrimenti quando torno 😀

  3. [quote comment=”2393″]Ho letto un libro, che ho a Milano, che parla di quello che hai descritto tu…[/quote]

    Dai non ci credo! Che spettacolo…quindi non sono l’unico a pensare cose cosi strane, specialmente di sabato notte dopo una serata in discoteca 😐

  4. appena risalgo te lo dico…

  5. Sarebbe fantastico, per poter vivere in eterno. Non ci sarebbero problemi di rigetto . 😀
    I problemi riguarderebbero la possibilità di non danneggiare il cervello durante il trapianto, specie per quanto riguarda l’ipossia, nel momento del passaggio. E naturalmente la possibilità di retaurare tutti i collegamenti necessari ad avere un corpo funzionante. Poi sarebbe questione di esercizio, nel nuovo corpo dovremmo riabituarci a movimenti di un corpo più giovane, differente, non abituato ai segnali emessi e ricevuti dal nostro cervello.
    I pensieri, certo che verrebbero trasportati in toto, in quanto si trovano nel cervello, questo è l’organo sede del pensiero, dei ricordi, dell’intelligenza, della nostra personalità.
    C’è già chi è riuscito a trapiantare teste di scimmia, ma senza la possibilità di restituire loro una vita normale. In effetti i collegamenti nervosi con il resto del nuovo corpo non sono ancora ripristinabili.
    Attendiamo fiduciosi, 🙂
    anche se… probabilmente prima di dover passare a una clonazione così drastica, si procederà a una rigenerazione dei tessuti, l’equivalente della clonazione, solo un pezzettino per volta, trapiantando cellule che andranno a mescolarsi ai tessuti originali… 😎

  6. @Dixit: Grazie per il tuo intervento dixit. Hai fatto un’analisi veramente dettagliata. Secondo me questo tipo di interventi possono essere intesi come un traguardo da raggiungere, anche se onestamente, sarei si affascinato dalla grandezza dell’evento, ma anche spaventato da quello che ne potrebbe scaturire. Interessante il trapianto di teste di scimmia, non ne avevo sentito nulla. Vado ad informarmi 😀

  7. Il libro affronta tutte queste tematiche…però finisce male… non siamo ancora pronti (forse mai lo saremo) a certe cose…

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost

Offerte voli e low cost

La tua Pubblicità?

Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.

Iscriviti al Feed

Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!