Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Capodanno in Piazza Maggiore, a Bologna
Ti trovi in: Home » Festività Varie » Capodanno
Capodanno in Piazza Maggiore, a Bologna
Capodanno in Piazza Maggiore, a Bologna
Capodanno in Piazza Maggiore, a Bologna
Capodanno in Piazza Maggiore, a Bologna

L’Emilia Romagna è la patria italiana  del divertimento per eccellenza. I piaceri della tavola e la marea di indirizzi dove fare le ore piccole, sono due dei punti di forza di questa  ridente regione. Proprio per questo, costituisce una delle mete ideali dove trascorrere il Capodanno. Se ci si vuole limitare a una notte di follie, la riviera romagnola è la meta più indicata, ma se al divertimento si vuole aggiungere anche un percorso culturale, niente è meglio di Bologna. Si tratta di una città con 377.220 abitanti, cuore di un’area metropolitana di circa un milione di abitanti. Molto importante per il capoluogo dell’Emilia-Romagna è la presenza della prestigiosissima università, che ospita un esorbitante numero di studenti, i quali la rendono animata tutto il tempo dell’anno. Bologna si distingue inoltre per il suo centro storico, che è uno dei più estesi e meglio conservati d’Italia, grazie ai continui lavori di restauro cui viene sottoposto. Per scoprire le origini della città bisogna fare un enorme balzo  indietro nel tempo, esattamente un millennio prima di Cristo, epoca in cui Bologna rappresentava già un centro importante, prima per gli Etruschi, poi per i  Celti, in seguito per i Romani e per finire durante il Medioevo, in veste di libero comune.

La sua strategica importanza culturale fatica ad esserle riconosciuta, a causa della mancanza di un capolavoro eletto emblema della città. Infatti, la rilevanza della città in ambito monumentale, sta proprio nella presenza di un insieme omogeneo di opere d’arte e strutture architettoniche di prim’ordine. La visita dei luoghi di interesse bolognesi, non può che cominciare da Piazza Maggiore, centro della vita civile e religiosa della città. Qui troviamo la celebre Fontana di Nettuno, il Palazzo Comunale, il Palazzo dei Bianchi e l’elegante Palazzo del Podestà. Tra gli edifici di interesse religioso spicca inevitabilmente la Basilica di San Petronio, la quinta Chiesa più grande al mondo, nonché l’ultima grande opera gotica realizzata in Italia. Iniziata nel 1390, la sua costruzione si è poi protratta per secoli ed è stata eseguita per la maggiore da Giovanni da Modena,  con il prestigioso contributo di Giulio Romano, del Masaccio e del Parmigianino. Il monumento che più simboleggia la città è di sicuro la Torre degli Asinelli (alta 97,20 m), una delle poche torri rimaste, la quale fu edificata per scopo militare ma anche per dare prestigio alla famiglia che ne ha ordinato la costruzione.  Tornando in ambito religioso, rilevante è la Basilica di Santo Stefano, facente parte del noto complesso delle Sette Chiese. Questi sette edifici sono situati in Piazza Santo Stefano, celebre per la sua forma triangolare, e rappresentano il complesso romanico più importante dell’intera città. I costanti lavori di manutenzione di queste strutture, hanno ridotto a quattro il numero delle sette Chiese iniziali. Altro capolavoro artistico fondamentale è la Pinacoteca Nazionale, una delle più importanti raccolte museali tricolori, la quale, oltre a funzione espositiva, gioca un ruolo chiave per ciò che riguarda la conservazione, la tutela e lo studio dei beni che ospita.

Bologna, che da sempre è detta “la Dotta (per l’università), la Rossa (per i tetti) e la Grassa ( per la tradizione culinaria), non potrebbe mai fare a meno dei suoi portici, tratto distintivo della città, i quali si estendono per ben quaranta chilometri e, oltre a riparare chi li attraversa  dalle intemperie atmosferiche, creano pittoreschi e suggestivi giochi di luci ed ombre, che li rendono uno spettacolo per gli occhi. Come è noto, la fantastica Bologna non delizia solo la vista, ma anche il palato. Mangiare bene, qui, è un dogma imprescindibile ed è impossibile non rimanere estasiati dalle prelibatezze tipiche della zona. Tra le bontà tipicamente bolognesi troviamo i famosi tortelli, serviti rigorosamente in brodo,  le celeberrime lasagne, e la cotoletta alla bolognese, ricoperta da formaggio e prosciutto crudo. Gran parte dei piatti caratteristici della città si basano su due ingredienti fondamentali: la pasta all’uovo e la carne di suino. Da qui il prelibato ragù, da accompagnare con squisite tagliatelle, nonché la mortadella, il salume bolognese per eccellenza. Tra i dolci, degno di nota è il certosino, una delizia tipicamente natalizia, a base di mandorle, frutta candita, pinoli, burro, miele, uva sultanina, cannella e cioccolato fondente.

Una delle caratteristiche principali della città emiliana è da sempre la cordialità e l’ospitalità dei suoi abitanti, che si manifesta in qualsiasi modo. Anche per quanto riguarda l’alloggio in loco, che ci si rechi in una struttura ricettiva blasonata o in una semplice a conduzione familiare, ogni richiesta ed esigenza verrà prontamente soddisfatta. Trattandosi di un ipotetico viaggio di Capodanno, è bene dare un occhio anche alle proposte offerte da Bologna per festeggiare l’arrivo del nuovo anno. In questo giorno, il calore che caratterizza la città durante tutto l’anno si amplifica ancora di più e il profumo di festa invade ogni suo angolo. Splendida è la tradizionale festa in piazza Maggiore, dove si tengono musiche, spettacoli, installazioni di fuoco e lo storico “Rogo del secchione”, unito al brindisi a base di panettone e spumante. Quella della celebre piazza è anche la zona intorno la quale si trovano tutti i locali più in voga,  che hanno, tra i tanti pregi,  quello di essere alla portata di tutti. Anche il quartiere universitario pullula di attrattive e intrattenimenti. Per quanto riguarda il cenone di San Silvestro, inutile dire che ogni ristorante sfodera menù tipici da leccarsi i baffi, lasciando l’imbarazzo della scelta. Per un Capodanno indimenticabile, l’allegra Bologna è proprio la meta ideale.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!