Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Visita a Torgiano, alla scoperta della storia del vino
Ti trovi in: Home » Itinerari di Viaggio » Europa » Italia » Umbria
Visita a Torgiano, alla scoperta della storia del vino
Visita a Torgiano, alla scoperta della storia del vino
Visita a Torgiano, alla scoperta della storia del vino

Per gli amanti dell’enogastronomia, ma anche per tutti coloro che vogliono trascorrere una breve ma intesa vacanza  tra gli splendidi e rilassanti colli umbri, la meta ideale è il borgo duecentesco di Torgiano. Si tratta di un paese di poco più di 6000 abitanti, ubicato nella provincia perugina e inserito nella lista dei borghi più belli d’Italia. Il tipico panorama torgianese è costituito da colline tappezzate di vigneti e uliveti. Antico insediamento romano, deve il suo nome all’antico torrione qui presente, dedicato al dio Giano, da cui deriva l’appellativo “Torre di Giano”, in seguito diventato Torgiano.

Riguardo la storia del paese, dopo essere stato dominato dai Romani, passò sotto il controllo dei Bizantini. Nel 1426 i nuovi Status Comunali sancirono lo status giuridico di Torgiano, il cui governo è affidato ad un vicario, avente poteri amministrativi e giudiziari. Nel 1500, il castello di Torgiano fu saccheggiato dall’esercito del Duca del Valentino, nonostante questi fosse sotto il servizio dei Perugini. Nel 1540, il paese sfuggì alla devastazione della Guerra del Sale, con grande gioia della popolazione locale, che festeggiò abbondantemente. Nei secoli a venire, il borgo fu controllato da diversi casati, e , nel XIX secolo, mentre in Umbria si registrava un generale sfaldamento delle proprietà terriere,  a Torgiano si costituirono due importanti possedimenti di pertinenza dei conti Meniconi Bracceschi e del marchese e futuro cardinale Pietro Ugo Spinola, titolare di una vastissima tenuta tra Perugia e Torgiano.

Riguardo le cose da vedere, la visita della cittadina non può che partire dal centro storico, cui si accede da Piazza Matteotti. Da qui si può ammirare l’Oratorio della Misericordia, cui è affiancata la grande Chiesa di San Bartolomeo, costruzione del Settecento edificata sui resti di una pieve duecentesca. All’interno dell’edificio si può ammirare il “Cristo deposto dalla croce”, un meraviglioso dipinto di Felice Pellegrini. Nei pressi della Chiesa sorgono Palazzo Manganelli, il palazzotto delle Manifatture Stocchi e l’antica residenza della famiglia Falcinelli. Proseguendo il tour del centro storico torgianese, ci si imbatte nel novecentesco Palazzo del Comune, seguito dal barocco Palazzo Baglioni, contenente una galleria arredata di fine Seicento, una ricca biblioteca e numerose sale arredate con mobili d’epoca. Il suddetto Palazzo è anche la sede del Museo del Vino ed è circondato da vigorose mura che delimitano il giardino. Altre costruzioni degne di nota sono Palazzo Graziani, oggi trasformato in un albergo, e la seicentesca Chiesa di Santa Maria del Castello, con l’adiacente Ospedale medievale. In un antico edificio, dove fino a pochi decenni fa avveniva la molitura delle olive, è ubicato oggi il Museo dell’Olio, non lontano dal quale sorge la Biblioteca Comunale, che ospita la Collezione delle Caselle d’Autore per il Vino Novello.

Se si osservano i resti delle mura cittadine, questi permettono di cogliere la forma urbanistica dell’antico castrum romano, e proprio il percorso indetto dalla cinta muraria, conduce alla medievale Torre Baglioni, che è l’emblema della città e, con la sua possenza, rappresenta la maggiore testimonianza dell’esistenza del maestoso castello medievale che un tempo sorgeva a Torgiano. Tra le altre attrattive interessanti troviamo la Chiesa di Santa Maria dell’Olivello, con pregevoli tele del XVI e XVII secolo, così come l’antico palazzo abitato dai Signorelli e le numerose opere d’arte contemporanee che imperversano qua e là all’interno del paese.

Oltre che per tutte le bellezze sopra elencate, Torgiano è famoso anche  per aver dato i natali a Giorgio Lungarotti, colui che fu artefice della rinascita della viticoltura umbra, nonché fondatore del Museo Del Vino. Qui il nettare di Bacco è il vero protagonista della città, e il Torgiano Rosso Riserva e la DOC Torgiano, i due vini tipici, sono considerati i gioielli del paese. Anche l’olio è molto pregiato, tanto da far meritare a Torgiano l’appellativo di “Città dell’Olio”. Inutile dire che in queste terre l’enogastronomia è considerata un vero e proprio patrimonio, nonché una fondamentale fonte di reddito. Numerosi sono di conseguenza i piatti tipici, realizzati soprattutto con l’impiego di due ingredienti: acqua e farina. La torta al testo, la schiacciata e la torta di Pasqua sono tre ricette salate assolutamente da non perdere. Prelibata è anche la zuppa di legumi e ortaggi, così come gli ottimi tortelli di pecorino (formaggio molto utilizzato nella cucina locale) al ciauscolo, il tipico salame marchigiano. Per scoprire la storia del vino e perdersi in un pozzo di storia e tradizione, una tappa a Torgiano è d’obbligo.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!