Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Monte Civetta, nelle Dolomiti del Veneto
Ti trovi in: Home » Itinerari di Viaggio » Europa » Italia » Veneto
Monte Civetta, nelle Dolomiti del Veneto
Monte Civetta, nelle Dolomiti del Veneto
Monte Civetta, nelle Dolomiti del Veneto
Monte Civetta, nelle Dolomiti del Veneto
Monte Civetta, nelle Dolomiti del Veneto

Meta ideale per lo sci durante l’inverno e per le escursioni durante l’estate, il Monte Civetta (in dialetto locale el Zuita) sorge nella provincia di Belluno, nelle Dolomiti. La stagione sciistica comprende i mesi di dicembre, gennaio, febbraio e marzo; il monte, alto poco più di 3200 metri, fa parte di un comprensorio sciistico, nato nel 1979, che include l’Agordino, la Valfiorentina e la Valle di Zoldo e comuni come Alleghe, Palafavera, Val Zoldana e Selva di Cadore, da cui partono gli impianti di risalita con seggiovie, cabinovie e skilift.

Nel comprensorio ci sono ben 46 piste di varia difficoltà (precisamente 24 per i meno esperti, 18 di difficoltà media ed infine quattro impegnative), che coprono un totale di circa 80 km a quote tra i mille e i duemila metri. Oltre allo sci di fondo, alla discesa e allo snowboard, è possibile praticare in questa zona anche lo scialpinismo e il carving, oppure passeggiare con le ciaspole (o racchette da neve). Inoltre l’area è attrezzata per l’hockey, il broomball, il pattinaggio su ghiaccio (ad Alleghe e Forno di Zoldo), il nuoto, il golf, il tennis, il trekking a cavallo e tanti altre attività sportive.

Celebre è il versante settentrionale del rilievo, che comprende una parete verticale molto famosa detta “parete delle pareti”: tocca i 1000 metri e si sviluppa per 4 km, che offrono itinerari di notevole difficoltà. Non mancano sul Monte percorsi per gli amanti della mountain bike, o splendidi sentieri che consentono di godere di splendidi paesaggi tra le cime delle Dolomiti e verdi vallate. Sul Monte Civetta esiste anche un bello Snow Park; molto suggestiva è poi a Pecol una pista illuminata, lunga ben 5 km, che consente anche di sciare durante la sera.

Chi vuole rilassarsi può scegliere una vacanza in un centro benessere, mentre chi vuole immergersi nella storia e nella cultura locale può visitare le mete previste in un apposito programma dal Museo Civico archeologico di Selva di Cadore, ammirare piccole, antiche chiesette oppure i mercatini dei Mestieri, oppure documentarsi sulla cultura ladina, grazie anche alle iniziative dell’Istituto Culturale delle Comunità dei Ladini Storici delle Dolomiti Bellunesi.

Per chi ama comprare souvenir, segnaliamo il simbolo del rilievo, ovviamente la civetta, di cui è possibile acquistare tanti tipi di statuette. Facile inoltre ovviamente acquistare sul posto abbigliamento e attrezzatura adeguata per gli sport invernali.

Se infine siete interessati alla buona cucina, nei paesi del comprensorio si possono gustare soprattutto ottimi funghi, polenta, i tipici gnocchetti di forma irregolare tipici della Germania, cioè gli spätzli, i più italiani casunziei e canederli (palline di pane farcite alternativamente con formaggio, speck, spinaci o erbette e poi bollite nel brodo di carne), piatti a base di carne di selvaggina, il pastin (pietanza bellunese simile alla salciccia o al salame, precisamente a base di carne tritata di manzo o maiale) e dolci come lo strudel di mele. Specialità della zona tra le bevande sono invece alcune tipi di grappa, il the con il rum (jagertee) e drink come il bombardino e il calimero.

Come raggiungere il Monte Civetta? E’ presto detto: in treno la stazione più vicina è quella di Belluno, facilmente raggiungibile da città come Padova o Venezia. Dalla stazione di Belluno si può arrivare al comprensorio servendosi dei pullman della compagnia DolomitiBus. Anche Longarone è servita dai treni.

In aereo si può scendere invece a Venezia (da cui si può arrivare in bus a Mestre per poi proseguire in treno) o Verona; in macchina infine si può percorrere la statale 203 che attraversa la valle. Le autostrade di riferimento che conducono nel comprensorio sono la A13, da cui si può prendere l’uscita Padova Ovest, la A22, su cui è consigliata l’uscita Bressanone e la A31, da cui si può uscire a Padova Ovest. Dalla A27 si può invece imboccare l’uscita Pian di Vedoia (Belluno), per poi seguire le indicazioni per Longarone-Val Zoldana oppure per Agordo-Cenchenighe-Alleghe. L’automobile è il mezzo più comodo per spostarsi da un paese all’altro del comprensorio: è possibile anche noleggiarne una in loco grazie alla compagnia Dolomiti Autonoleggio.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!