Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Festa dei Sanfermines. La corsa dei tori a Pamplona
Ti trovi in: Home » Itinerari di Viaggio » Europa » Spagna
Festa dei Sanfermines. La corsa dei tori a Pamplona
Festa dei Sanfermines. La corsa dei tori a Pamplona
Festa dei Sanfermines. La corsa dei tori a Pamplona

Durante le feste dei Sanfermines, la fiesta scende in strada. La spontaneità si mescola al programma ufficiale e in qualsiasi angolo del centro di Pamplona e a qualunque ora si svolgono spettacoli per tutti i gusti e ogni tipo di pubblico: l’encierro per i più audaci, la processione per i più devoti, le sfilate dei Gigantes e Cabezudos per i più piccoli. Divertimento e follia. San Fermín inizia il 6 luglio a mezzogiorno. Dal balcone del Municipio è lanciato il chupinazo: la festa può ora avere inizio.

Il primo encierro si tiene il giorno dopo: alle 8 del mattino in punto si aprono le porte del cortile di Santo Domingo e centinaia di persone iniziano a correre davanti ai tori lungo un percorso che, attraversando il centro storico, si conclude nell’arena. La fiesta è un’occasione per scoprire Pamplona e la Navarra. San Fermín è una festa che emoziona. Così Ernest Hemingway descrive in “Fiesta” il chupinazo, l’inizio delle celebrazioni: «Si levò nella piazza il razzo che annunciava la fiesta. Scoppiò e apparve una grigia palla di fumo sopra il Teatro Gayarre, dalla parte opposta della plaza.

La palla di fumo rimase sospesa in cielo come un shrapnel appena esploso e le si affiancò un altro razzo, lasciandosi dietro un rivolo di fumo nella chiara luce del sole». Era il 1926. Anche grazie a quel libro, San Fermín, Pamplona e la Navarra sono diventati importanti. Quando sull’orologio della Chiesa di San Cernin scoccano le 8 del mattino, si aprono le porte dei corrales. I tori impiegano dai 3 ai 4 minuti per raggiungere la Plaza de Toros in una folle corsa per le vie di Pamplona. Ma San Fermín è molto di più: la voglia di divertimento è elettrizzante e contagiosa. Altri momenti da non perdere sono l’apartado, sorta di corrida che consiste nel separare un toro dagli altri; las mulillas, curioso corteo di cavalieri; las ganaderias, per scegliere i migliori tori. Per celebrare il suo primo vescovo, San Firmino, Pamplona scrive Fiesta con la F maiuscola per un’intera settimana.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!