Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Il complesso archeologico di Efeso, sulle coste Turche
Ti trovi in: Home » Itinerari di Viaggio » Europa » Turchia
Il complesso archeologico di Efeso, sulle coste Turche
Il complesso archeologico di Efeso, sulle coste Turche
Il complesso archeologico di Efeso, sulle coste Turche
Il complesso archeologico di Efeso, sulle coste Turche

Tra i più noti siti archeologici del Mediterraneo orientale, Efeso occupa uno dei posti d’onore per quantità annuale di visitatori. Fu un centro commerciale molto ricco e potente, e venne designato quale capitale dell’Asia, provincia dell’Impero Romano.

Il punto dal quale iniziare la visita è la porta di Magnesia che dava l’accesso alla via dell’Artemision: significativi, in particolar modo, l’agorà, l’antico municipio, la basilica, il Tempio di Domiziano, l’Odeon e i numerosi palazzi nobiliari molto ben conservati, ricchi di affreschi e decorazioni. In prossimità del porto era stato edificato il casino dei piaceri, luogo sempre vivo di frequentazioni in una città di mare e di commercio com’era Efeso nell’antichità. Qui è stata rinvenuta una statua del dio Priapo dal fallo gigante, probabilmente di buon auspicio dato il luogo del rinvenimento.

La via dei Cureti svela importanti edifici come la fontana intitolata a Traiano, le terme di Scolastica con un prezioso dipinto dedicato a Socrate, il monumento a Memmio, l’imponente biblioteca di Celso, simbolo dell’intera area archeologica. La biblioteca conservava ben dodicimila rotoli di papiro, che furono distrutti dai Goti durante la loro avanzata verso il cuore dell’Impero.

Molti dei quartieri residenziali che avevano trovato posto in questa zona, lungo la suggestiva arteria di comunicazione, sono ancora sotto terra, bisognosi di lavori di scavo per tornare alla luce. La visita degli scavi è davvero interessante e richiederà alcune ore, ma chi vuole potrà terminare con un giro al Museo Archeologico che conserva molti e interessanti reperti. A voler essere accurati non vi si potrà dedicare meno di mezza giornata, ma gli oggetti che vi sono conservati meritano senza dubbio il vostro tempo.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!