Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
Alla scoperta del Monte Rushmore: tra le praterie del Sud Dakota
Alla scoperta del Monte Rushmore: tra le praterie del Sud Dakota
Alla scoperta del Monte Rushmore: tra le praterie del Sud Dakota
Alla scoperta del Monte Rushmore: tra le praterie del Sud Dakota
Alla scoperta del Monte Rushmore: tra le praterie del Sud Dakota

Chi non ha mai sognato di avere una statua a lui dedicata o, addirittura, il proprio volto scolpito nella pietra? Ebbene, c’è chi questa fantasia l’ha messa in pratica. Tra le tante sculture esistenti al mondo, infatti, ce n’è una davvero singolare, estremamente celebre e originale. Trattasi del Monumento nazionale del Monte Rushmore, un complesso scultoreo situato sul massiccio montuoso delle Black Hills, nello stato americano della Dakota del Sud. Già l’origine del suo nome ha un che di surreale. Correva l’anno 1885, infatti, quando Charles E. Rushmore, un facoltoso avvocato newyorkese, stava conducendo uno studio sull’estrazione mineraria nelle Black Hills. L’uomo rimase colpito dalla straordinaria bellezza di uno dei monti appartenente alla catena e chiese quale fosse il nome di tale splendore. La casualità volle che il massiccio non avesse ancora un nome e, così, proprio per omaggiare colui che tanto ne era rimasto colpito, gli diedero quello dell’avvocato. Da lì a poco, quello che fino a quel momento era un semplice e anonimo rilievo, sarebbe diventato una delle attrazioni turistiche più visitate dell’intera America, noto per essere il monte con le facce, grazie al rilievo scolpito in una delle sue grandi pareti rocciose.

La scultura rappresenta i volti di quattro celebri presidenti americani, ovvero George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln. Il formidabile autore di tutto ciò è Gutzon Borglum, uno scultore statunitense, il quale ha eseguito la maestosa opera dal 1927 fino al 1941, anno della sua morte, avvalendosi dell’aiuto di 400 operai. L’intera costruzione, alta 18 metri e situata 142 metri sopra la valle, richiese un lavoro sovrumano e fu edificata con una tale cura che gli esperti del settore assicurano durerà per almeno 100.000 anni. L’idea di dare alla luce tale progetto fu lanciata nel 1923 da Doane Robinson, uno storico locale, allo scopo di attirare turisti nel territorio delle Colline Nere (Black Hills), note per essere le colline sacre delle tribù indiane Sioux. La suddetta zona, infatti, dopo essere stata il tetro luogo delle battaglie tra indiani e bianchi, aveva perso molta della sua rilevanza ed era stata pressoché dimenticata, nonostante vantasse grandi attrattive paesaggistiche e un clima invidiabile. L’iniziativa di Robinson, per quanto originale, ebbe l’appoggio di numerose personalità, tra cui lo stesso avvocato Rushmore, che tanto amava quella zona e che donò privatamente un lauto finanziamento per la realizzazione della scultura. Visto il successo riscosso dalla sua geniale idea, Doane Robinson contattò lo scultore Gutzon Borglum, cui affidò il compito di scegliere quale rilievo delle Colline Nere fosse più consono alla realizzazione della sua idea e il sito ideale fu individuato nel Monte Rushmore.

Le motivazioni di questa scelta furono: in primis il fatto che il Rushmore si trovava a sud-est e quindi godeva di buona luce per gran parte del giorno, poi che era la cima più alta di quella località e, in ultimo, che la sua composizione in granito poteva assicurare la conservazione dell’opera per migliaia d’anni. Tutt’ora, questo massiccio complesso scultoreo, per la sua localizzazione a Nord, rappresenta un ottimo soggetto per chi ama la fotografia, in quanto garantisce la perenne presenza di una luce ottimale. Negli anni, il Monte Rushmore è stato lo scenario di moltissimi film, tra cui il celebre “Intrigo Internazionale” di Alfred Hitchock, così come fonte d’ispirazione per moltissimi cartoni animati, videogiochi e libri. Questo monumento, non attira solo attenzione mediatica, ma anche una marea di turisti, tanto da essere nella top ten delle 10 attrazioni più visitate dell’intero continente. Se il rilievo in sé è estremamente famoso, lo è meno la zona in cui si trova, che è ugualmente spettacolare e offre paesaggi incontaminati da togliere il fiato, grazie alle colline di granito ricoperte da boschi e ai canyon più belli di tutto lo stato.

Se si vuole assaporare a pieno la bellezza del luogo, da non perdere è il President Trail, una passerella di legno che accompagna il visitatore attraverso il boschetto alle pendici del monumento. Il suggestivo percorso, comprende quattro punti di sosta dove leggere le informazioni inerenti i soggetti della scultura, ovvero i quattro presidenti. L’itinerario porta anche nello studio dello scultore del Rushmore, in cui si può vedere il modello plastico da lui eseguito prima di imprimere i quattro volti nella pietra e ci si può render conto di come l’opera sia rimasta incompleta, dato che l’idea iniziale di Borglum era quella di rappresentare non solo i volti delle quattro autorità, ma anche i loro busti con tanto di giacche. Ovviamente, il monumento è dotato di museo adiacente, ricco di interessanti fotografie e filmati raffiguranti l’estenuante lavoro degli operai nell’edificare la scultura e anche di un enorme gift shop, dove acquistare i souvenir più disparati.

Se, a furia di passeggiare tra i rilievi, la fame si fa sentire, non lontano dal monte si trova un locale veramente particolare. Si tratta di una tavola calda allestita niente meno che nel vagone di un treno, con tanto di arredamenti stile “Omicidio sull’Orient Express”. Per chi vuole assaporare un gustoso sandwich in piena atmosfera da film d’azione, questa meta è assolutamente da annotare sul taccuino. Per digerire i sostanziosi panini appena gustati, niente è meglio di un giro su uno dei vecchi treni a vapore, a scopo puramente escursionistico, presenti sul posto, i quali permettono di immergersi in un’atmosfera old style. Unico neo di questo giro panoramico è la lentezza del mezzo e la ripetitività del tragitto, che rischiano di trasformare l’escursione in una pennichella pomeridiana. Insomma, erroneamente a quanto si pensi, la zona del Monte Rushmore offre un sacco di attrattive e, per chi è cresciuto col mito della prateria americana, una giornata alle Black Hills è veramente una tappa impedibile.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!