Scrivi il tuo Diario di Viaggio
Condividere le tue esperienze con i viaggiatori su "Girando il Mondo" è facile. Entra ora nella community
Effettua una ricerca
Indica con poche parole cosa stai cercando. Es: Itinerari di viaggio, guide turistiche, offerte lowcost, news di viaggo...
Cerchi un hotel?
Booking.com
Itinerari di Viaggio
Cerchi un Itinerario di Viaggio in particolare? Seleziona un continente per velocizzare la tua ricerca

Guide di Viaggio e consigli
Una moltitutine di utili guide per ogni occasione. Tutto quello che c'è da sapere per non farsi trovare mai impreparati...
La Penisola di Valdez, paradiso delle balene
La Penisola di Valdez, paradiso delle balene
La Penisola di Valdez, paradiso delle balene

Vorreste ammirare balene, leoni marini, cormorani e aironi? Ecco il posto che fa per voi: la Penisola di Valdez in Argentina, sulla costa atlantica della Patagonia, non a caso è tra i beni patrimonio dell’umanità per l’Unesco dal 1999 come riserva naturale.

Legata alla terraferma solo da un sottile istmo (Carlos Ameghino) e sita nella provincia meridionale di Chubut, la penisola costituisce un punto d’osservazione ottimo per le balene australi (dette anche balene franche: il nome scientifico è Eubalaena australis), che nelle acque pacifiche e pulite del Golfo Nuevo e del Golfo San José, ricche di nutrimento per la fauna marina come il krill, si accoppiano e partoriscono nei mesi tra maggio e dicembre: per avvistarle, si può fare una gita in barca. I cetacei infatti si avvicinano tranquillamente infatti alle imbarcazioni ed offrono così uno spettacolo fantastico ai visitatori. Questo tipo di balena è ormai estinto nell’emisfero nord, mentre in quello meridionale ne esistono ancora migliaia di esemplari, molti dei quali appunto in questa zona.

In mare aperto si possono vedere anche le orche, alcuni tra i più grandi mammiferi marini esistenti. Tra l’altro nei mesi tra maggio e gennaio è possibile beccare anche altri animali molto interessanti: è infatti la stagione del corteggiamento degli aironi notturni, dei leoni marini e dei cormorani. Infatti c’è anche un’ampia varietà di uccelli sulla penisola, oltre 180, tra cui 66 migratorie come il piccione antartico; tra i volatili ci sono i nandù, uccelli molto grandi e pesanti, non più in grado di volare. A terraferma non mancano colonie di foche sudamericane e pinguini di Magellano, questi ultimi soprattutto nella Riserva Naturale di Punta Tombo. Interessanti sono inoltre i guanachi, che somigliano molto ai lama, e dei grandi e simpatici roditori un po’ simili ai conigli, i maras.

L’area è pianeggiante e arida, ma è anche caratterizzata da alcuni laghi salati, come Salina Chica e Salina Grande: questi si trovano addirittura a 40 metri al di sotto del livello del mare, un vero record per tutta l’America Latina.

In questo paradiso naturale sorge un solo centro abitato, Puerto Piramides, un tempo noto come miniera di sale. La località trae il nome da alcune rocce che caratterizzano la strada costiera, che sembra avere appunto la forma di una piramide. La città vera e propria più vicina è invece Puerto Madryn, capoluogo del dipartimento di Biedma, dove vivono quasi 60.000 persone. A questa cittadina si può arrivare in nave oppure in aereo, atterrando a Trelew, collegata ogni giorno sia a Buenos Aires, che dista oltre 1000 km dalla penisola, che ad altre città.

Segnaliamo che zone privilegiate in cui osservare le balene sono la spiaggia Doradiglio e Punta Piramide.



Tags:

Autore:

Lascia un commento

Il tuo nome (*)
E-Mail (*)

Il tuo sito web:

Offerte LowCost


La tua pubblicità
Se sei interessato a pubblicizzare le tue offerte o la tua struttura alberghiera sul nostro sito, contattaci all'indirizzo email info@girandoilmondo.it oppure tramite l'apposito modulo dei contatti.
Iscriviti al Feed
Iscriviti al Feed RSS
Tieniti aggiornato, iscriviti al nostro Feed RSS gratuito e ricevi ogni giorno gli ultimi articoli pubblicati, gratis!